Cagliari: la spiaggia del Poetto (Antonella Giroldini)

La spiaggia del Poetto si affaccia sul Golfo degli Angeli, nella costa centro-meridionale della Sardegna.
Sebbene le dune di sabbia bianchissima e i variopinti casotti siano solo un ricordo del passato, l’arenile conserva un notevole fascino, accresciuto dalla presenza del promontorio della Sella del Diavolo, che domina il porticciolo di Marina Piccola.
Questi elementi, oltre alla vicinanza alla città ed all’animazione offerta dai caratteristici baretti, fanno del Poetto la meta preferita dei cagliaritani nella stagione estiva e in qualsiasi giornata di sole durante il resto dell’anno.
La zona del lungomare, inoltre, offre una vasta scelta di servizi, come
bed & breakfast, affittacamere, stabilimenti balneari, diving center, e scuole di vela.

BOA VISTA (Antonella Giroldini)

Boa Vista è l’isola più prossima al continente africano , la più tropicale e la terza in ordine di grandezza. L’ambiente è selvaggio e incontaminato, di grande interesse naturalistico.

La superficie dell’isola è coperta per il 20% da dune di sabbia, alte anche parecchi metri, con andamento da nord – est a sud – ovest, che conferiscono all’ambiente un aspetto sahariano. La maggior parte della sabbia , infatti, proviene dal Sahara, portata dai venti di nord – est . Una parte delle sabbie tuttavia, formata da materiale più grossolano e di colore più scuro, è frutto dell’erosione delle rocce dell’isola.

L’ esotismo dell’isola è poi dato da vasti e lunghi arenili di arena bianchissima che bordeggiano la quasi totalità delle coste, a fronteggiare un mare blu cobalto. Più del 50% delle spiagge all’intero arcipelago appartengono, infatti, a Boa Vista, con uno sviluppo complessivo di 55 km , facendo di questa isola un paradiso per gli amanti del mare.

Tiziano Terzani ” un altro giro do giostra”

riuscire a guardarsi con gli occhi di un sè serve sempre…

viaggiare era sempre stato per me un modo di vivere e ora avevo preso la malattia come un altro viaggio, un viaggio involontario, non previsto …, per il quale non mi ero in alcun modo preparato….

l’arte ci consola, ci solleva, l’arte ci orienta. l’arte ci cura..

viaggiare. il piacere di una vita……la ragione di tutto quel muoversi, di quell’andare continuamente fuori in cerca di qualcosa era semplice: io non avevo niente dentro di me. Ero vuoto. Vuoto come è vuota una spugna, pronta però a riempirsi di quello in cui è tuffata. …viaggiare mi esaltava, mi ricaricava, mi dava da pensare, mi faceva vivere…

in tutta la vita ho sempre avuto un problema col noi, con quel naturale tentativo che l’uomo è solito fare per sentirsi parte di una comunità..

PITIGLIANO (Antonella Giroldini)

Vivace centro agricolo e commerciale, Bandiera Arancione del Tci, Pitigliano arroccato su di uno sperone tufaceo strapiombante su tre lati, fu centro etrusco e romano e nel medioevo fu uno dei capisaldi della contea aldobrandesca e quindi ursinea, di cui divenne capitale subentrando all’ ormai decaduta Sovana. L’antico centro mantiene l’aspetto voluto nel ‘400 dagli Orsini che pure avviarono la costruzione dell’imponente acquedotto a due alti archi. I grandioso palazzo Orsini , sede della Diocesi, ospita il Museo Civico Archeologico. Nel borgo, organizzato lungo tre vie parallele collegate da stretti vicoli , è il Duomo, rimaneggiato nel 1509 . La Chiesa di S. Maria a pianta trapezoide, ricordata nel 1274 e rimaneggiata a fine ‘400 ha prospetto tardo – rinascimentale.

Nell’area del ghetto ebraico rimane la restaurata Sinagoga, del XVI secolo con annesso Museo dell’Associazione Piccola Gerusalemme con testimonianze della cultura ebraica sul territorio: il forno delle azzime, il macello, le cantine per il vino kasher, la tintoria ed il bagno rituale.

 

 

Dubai : Centri Commerciali (Antonella Giroldini)

Tanto snobbati in altri paesi , i centri commerciali si dimostrano particolarmente adatti al caldo soffocante di Dubai e in pratica svolgono la stessa funzione che in altre città hanno le piazze – con tanto di fontane, palcoscenici per eventi dal vivo e tantissime bancarelle di souvenir – consentendo ai viaggiatori di farsi un idea della società di Dubai e di conoscere la gente del posto.

Lo shopping è un rito quotidiano negli Emirati , ma a Dubai raggiunge vette sublimi.

Lago di Piediluco (Antonella Giroldini)

A pochissimi chilometri da Terni e dalla Cascate delle Marmore , in direzione di Rieti, collegato facilmente con le grandi vie di comunicazione che attraversano il territorio ternano, il lago di Piediluco appare come un gioiello incastonato nel verde. Un lago di modeste dimensioni, ma affascinante per la sua collocazione che a molti visitatori ricorda gli specchi d’acqua delle Alpi. D’altronde in inverno sulla sua superficie si specchiano le nevi del vicino monte Terminillo, mentre in estate i boschi che giungono fino alle sue rive offrono ristoro e frescura ai visitatori. Il borgo di Piediluco è dominato da una rocca medievale e, in giugno, ospita la tradizionale Festa delle Acque che culmina in una sfilata di barche allegoriche. Piediluco è oggi un centro remiero tra i più attrezzati d’Europa: vi si svolgono gare internazionali di canottaggio e le sue strutture sportive, oltre a quelle ricettive, sono utilizzate da atleti di tutto il mondo come sede ideale per ritiri e stage.
A pochi chilometri Villalago, una dimora storica ottocentesca e il suo parco, offrono una straordinaria vista dall’alto sul lago. In estate vi si svolgono concerti e spettacoli all’aperto.

Villalago
La villa signorile ottocentesca, realizzata su disegno dell’architetto Giuseppe Boccini, è immersa in un grande parco e si affaccia in posizione panoramica su Piediluco ed il suo lago. E’ una dimora storica dalle linee neoclassiche, sobrie ed eleganti: un esempio raro in un’area ricca di rocche e castelli, dove è soprattutto il Medioevo, con le sue atmosfere, ad aver lasciato i segni più tangibili e significativi nella sequenza di borghi fortificati tipici della Valnerina. Villalago è stata acquisita dalla Provincia di Terni nel 1964 ed è oggi sede dell’Icsim (un istituto che si dedica allo studio della storia delle imprese) e di importanti manifestazioni musicali nei mesi estivi.

Il parco di circa 30 ettari, aperto al pubblico, è un ambiente di notevole bellezza e di grande pregio: tra le specie arboree più rare abeti di Spagna, abeti rossi, abeti dei Balcani, cedri del Libano. Sono presenti anche più di 30 specie di orchidee spontanee. Nella ex fontana è sistemata la famosa scultura di Aurelio De Felice “Adolescente con ocarina”.

La rocca
La Rocca sorse in posizione strategica nell’XI secolo in cima alla collina che domina Piediluco. Nel 1364 passò sotto Blasco Fernandez, cugino del cardinale d’Albornoz, che ne fece ricostruire alcune parti. Del complesso fortificato, oggi acquisito dalla Provincia e restaurato, rimangono il cassero, resti di alcune sale di rappresentanza e tratti della mura che collegavano la fortezza al paese. Negli spazi della Rocca sono state tenute manifestazioni culturali legate alla Festa delle Acque.