GEYSER (Antonella Giroldini)

Una delle attrazioni turistiche più famose dell’Islanda è Geyser, la sorgente calda originaria, quella da cui tutti gli altri geyser del mondo hanno preso il nome. Scoperto nella regione geotermale di Haukadalur, il grande Geyser è rimasto attivo per circa 800 anni e un emetteva getti d’acqua alti fino a 80 m. Ma i geyser attraversano periodi di attività ridotta ed è dal 1916 che Geyser dà soltanto pochi segni di vita. In occasione dei terremoti pare riprendersi un po’, ma i suoi pennacchi d’aria calda sono ormai rari. Per la fortuna dei visitatori, proprio accanto si trova un geyser molto affidabile, Strokkur. E’ raro che si debba aspettare più di cinque o dieci minuti per vedere l’acqua zampillare con uno spettacolare getto alto da 15 a 30 m, per poi essere risucchiata dentro quello che sembra il buco di un enorme scarico. Non posizionatevi sottovento se non volete farvi una bella doccia.

 

CIRCOLO D’ORO (Antonella Giroldini)

Spiagge nere, geyser che eruttano di campi geotermali, cascate roboanti, vulcani quiescenti e scintillanti calotte di ghiaccio che si stagliano all’orizzonte: nella bellissima regione sud – occidentale si trovano molte famose meraviglie naturali, perciò è una zona relativamente affollata e sempre più sfruttata dal punto di vista turistico. Non lontano da Reykjavik il Circolo d’Oro (un itinerario turistico comprendente Thingvellir, Geyser e Gullfoss ) richiama molti visitatori, ma evitando le ore di punta o spingendovi oltre troverete tutto lo splendore che cercate. Addentrandosi nella regione, i paesaggi si fanno più spettacolari. I siti turistici più famosi sono la Laguna Blu e Thingvellir (dove si trovano una fossa tettonica e il sito dell’antico Parlamento) , a breve distanza dalla capitale. Al largo della costa c’è l’arcipelago delle Vestmannaeyair , mentre alle stremità della regione ci sono i potenti vulcani Hekla ed Eyjafjallajökull, i vivaci paesini di Skogar e Vik , e le vallate nascoste di Thormork e Landmannalaugar.