TORRITA TIBERINA (Antonella Giroldini)

Questo comune è situato nel Lazio, in provincia di Roma e conta circa 900 abitanti.
Posto su di un’altura della Valle Tiberina, Torrita Tiberina ha origini antichissime e lo stesso nome diriva dalle numerose torri che fortificavano la zona.
Dopo essere appartenuto ai Savelli, il borgo fu proprietà degli Orsini e dei Torlonia.

Da Visitare:
Il borgo medievale è dominato dalla possente mole del Castello Baronale, eretto nel 1.200 e oggi proprietà comunale.
Le antiche origini di Torrita Tiberina sono documentate dai ritrovamenti di alcuni resti di murature romane in località Celli e Bardacchini.
Sul territorio comunale si trova un’importante riserva naturale regionale, chiamata Tevere Farfa, in cui trovano ospitalità alcune specie di uccelli acquatici e numerose varietà di piante rare.

 

FILACCIANO (Antonella Giroldini)

Filacciano, nella valle del Tevere in provincia di Roma, è un piccolissimo borgo di poco più di 500 abitanti con una struttura urbana inconsueta, un piccolo scrigno nel cui centro storico spiccano maestosi e severi palazzi storici. Il borgo, di epoca medioevale, è nato attorno al suo castello, digradando verso il Tevere, che scorre immobile e silenzioso tra rivali lungo i quali si ergono salici e pioppi nani. I suoi vicoli e le stradine dell’abitato si inerpicano fino alla sommità del basso colle, con le case ed i palazzi ordinati, con i loro androni curiosi e riservati. Nel borgo, oltre una porta c’è la parte più recente, quello del XVI-XVII secolo, con edifici bassi e allineati, traversati dalla strada che conduce alla scenografica e rettangolare piazza.

La nascita di Filacciano risale al periodo romano; lo stesso toponimo dovrebbe derivare dall’imperatore Felicianus, che vi fece costruire un primo Castrum, sui resti del quale successivamente fu edificato l’attuale castello. In epoca medioevale il borgo-fortezza finì tra i possedimenti della potente Abbazia di Farfa, passando poi per le mani di diverse famiglie nobiliari fino a quando, nell’ottocento, dopo la scomparsa del feudalesimo arrivarono i principi Del Drago che ne possiedono tutt’ora il castello.

 

 

LA RISERVA NATURALE DI TEVERE FARFA (Antonella Giroldini)

 

E’ una piccola area, istituita nel 1979, a tutela di una delle anse che il Tevere forma lungo il confine tra le province di Rieti, Viterbo e Roma. Sita in corrispondenza della foce del fiume Farfa, si stende per circa 700 ettari nei territori di Nazzano, Torrita Tiberina e Fiano Romano, che si estendono ai piedi del paese di Nazzano, dominato da un imponente castello. Tipica area umida fluviale, vi nidificano numerose specie avicole stanziali ed è il punto di sosta per gli uccelli di passo. All’interno dell’area si può usufruire della serie di servizi offerti ai visitatori: escursioni a piedi, in bicicletta o canoa, soggiorni naturalistici e visite guidate.