Vienna (Antonella Giroldini)

Il terzo uomo non c’è più. E’ sparita la Vienna polverosa, melanconica, male illuminata, qua e là semidiroccata, affascinantissima e trascurata come l’avevamo conosciuta fin dentro gli anni Sessanta e Settanta.

La Vienna di oggi ha un altro volto, recente, luminoso, restaurato, ricco. Non più facciate scrostate e cadenti, non più vetrine da paese dell’Est, non più selciati sconnessi,  finestre senza vetri, cornicioni sbilenchi. Ogni casa è ridipinta , rifatti gli stucchi, ridorati i fregi, lustrati i portoni, le strade selciate di fresco e illuminate al punto giusto, i negozi di massimo lusso, fiorite le aiuole, curati i prati, pettinati parchi e giardini.

Non fosse per il profilo dei palazzi d’altri tempi, per il numero degli antichi monumenti, per la densità di chiese e musei, si avrebbe la sensazione , per la ricchezza delle strade e delle piazze, per il lusso dei caffè dei ristoranti , di essere in qualche città della Germania. Ma poi basta soltanto tirar su la testa e dare un occhiata alle finestre per capire che si è a Vienna . Solo qui, solo in Austria – e in qualche palazzo di Bolzano e Parma – i vetri si aprono all’infuori e non c’è ombra di scuri o persiane. E basta guardare le insegne delle strade – almeno quelle sopravvissute alle guerre – scritte in gotico , per rendersi conto che non siamo a Monaco né a Bolzano. Oppure controllare dentro ai cortili le verande di vetro , specie di terrazze chiuse alla bell’e meglio allo scopo di ingrandire le stanze per sapere subito dove si trova…A Vienna ancora non regna incontrastato quell’odore di salsiccia misto a pommes frites che solitamente stagna identico in tutte le metropoli del mondo che sta a nord dell’Italia. Qui l’odor di dolce prevale : sono krapfen e torte, cornetti o pani zuccherati, a volte – è vero – in mediocre versione turistica e tuttavia il loro profumo orienta e ambienta come la salsedine in una città di mare.

La città ha conservato una miracolosa dote che al pari suo forse soltanto Roma possiede. Assimila e coinvolge nella sua atmosfera suntuosa, brillante, internazionale e cosmopolita, e tuttavia insieme domestica, intima, quasi familiare. Ovvio che , come succede per tutti i luoghi di cui ci si vuole appropriare, Vienna bisogna conquistarla a piedi o in tram , in bicicletta, seguendo le orme dei sui abitanti , sedendosi nei caffè, passeggiando nei parchi, andando ai mercati.

 

Pubblicato da

anto1973giroagiroldini

e come dice una mia amica ..ti rispecchia in pieno ;) Io "DONNA" Non leggo istruzioni. Schiaccio pulsanti finchè funziona. Non ho bisogno di alcool per essere imbarazzante. Mi riesce senza! Se fossi un uccello saprei già a chi cagare addosso! Non sono bisbetica, sono emozionalmente flessibile! Le parole più belle al mondo ? " vado a fare shopping" Non ho difetti! Sono "effetti speciali"! Donne devono avere l'spetto di Donne non di ossa rivestite! Non è ciccia! E' superficie eroticamente utilizzabile. Pertdonato e dimenticato? Non sono nè Gesù nè ho l'Alzheimer! Noi donne siamo angeli e se ci rompono le ali continuiamo a volare- su scopa!Perchè siamo flessibili. Quando Dio ha creato gli uomini ha promesso che uomini ideali si sarebbero trovati ad ogni angolo e poi ha fatto la terra rotonda. Sulla mia lapide deve essere inciso: Non fare quella faccia, anch'io avrei preferito essere stesa in spiaggia! E già, Noi Donne siamo uniche

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.