Tenuta di Corbara (Antonella Giroldini)

 

Antica proprietà dei Conti Montemarte, la Tenuta di Corbara è oggi un elegante agriturismo in stile albergo diffuso nel cuore dell’Umbria a pochi chilometri da Todi, Orvieto, Assisi e Spoleto e distante solo 1 ora da Roma.
Il territorio su cui oggi si estende la Tenuta, e la vasta azienda agricola che ne è parte integrante, è di circa 1.100 ettari mentre la struttura, unica per la sua composizione e tra le più belle dell’Umbria per la sua posizione,  è composta da 6 casali in pietra (alcuni dotati di piscina). Il fulcro centrale è il Podere Il Caio dove è situato l’ampio ed elegante ristorante, mentre tutti intorno sorgono gli altri casali caratterizzati da un attento lavoro di restauro che coniuga l’originario spirito contadino con raffinatezza ed eleganza.
Immersa in una secolare vegetazione, circondata da vigneti, uliveti e terreni coltivati la Tenuta di Corbara mette a disposizione dei suoi ospiti  un grandioso territorio tutto da scoprire , assaporare, esplorare ed eccellenze quali olio, vino, miele.
Un luogo straordinario dove regnano armonia e tranquillità, lontano dai rumori e dallo stress quotidiano, che permetterà di ritrovare il benessere

Sei casali in pietra e le stanze del Caio e del Podere Ponticello, 1 ristorante in grado di ospitare fino a 180 persone, 3 piscine, un porto romano  (sito archeologico sotto l’egida dei Beni Culturali), 140 ettari di terreno dedicati ai vigneti, oltre 3000 alberi di olivo: questi sono alcuni dei numeri che caratterizzano la Tenuta di Corbara.

Atmosfere calde, ambienti accoglienti, raffinata cucina umbra e la bellezza mozzafiato degli scenari naturali ai quali è possibile aggiungere attività sportive (mountain bike, percorsi di trekking, gite a cavallo), corsi di ceramica e cucina, indimenticabili passeggiate nelle città d’arte vicine (Orvieto, Todi, Civita di Bagnoregio), visite alle cantine e al piccolo bioparco.
Un’ospitalità unica, di antica tradizione, dove si intrecciano con sapiente maestria natura, storia, arte e gastronomia. Un’esperienza straordinaria in una cornice suggestiva, tutta da vivere ed assaporare.

ssere e il buon umore e riscoprire il contatto con la natura

 

 

 

Lago di Corbara (Antonella Giroldini)

Il corso del Tevere dal ponte di Montemolino, a monte di Todi , fino al bacino artificiale del lago di Alviano è stato istruito in Parco fluviale del Tevere. L’importanza faunistica e vegetazione è notevole, così come l’offerta delle strutture ricettive e ricreativo sportive. Seguendo la statale 448 di Baschi si attraversa l’aspra gola del Forello, catalogata tra i biotipi di maggiore interesse dell’area. Si raggiungono così le rive frastagliate del lago di Corbara, ampio bacino artificiale incassato nella valle.