CELANO (Antonella Giroldini)

Centro di origine antica, la cittadina sorveglia dall’alto il Fucino ed è dominata dai pendii della Serra. Nel Medioevo la sua importanza era tale che i suoi feudatari controllavano l’Abruzzo e il Molise. Intorno al 1185 vi nacque il beato Tommaso da Celano, tra i primi seguaci di S. Francesco e autore dell’inno Dies Irae. Nel 1223 la città si ribellò a Federico II e venne assediata e distrutta.

Una breve salita dal Centro al poderoso castello Piccolomini, eretto a partire dal 1392, circondato dalle mura del XIV e del XV secolo, rafforzate da 5 torrioni cilindrici, con il mastio trasformato in residenza dei Piccolomini. Ospita le raccolte del Museo nazionale di Arte sacra della Marsica, con pitture , sculture , oreficerie e parametri sacri, patrimonio rimasto integro nonostante le lesioni strutturali subite dall’edificio nel terremoto del 2009.