Paesaggi di calcare (Antonella Giroldini)

In corrispondenza di un crepaccio tettonico scaturiscono innumerevoli sorgenti termali sorgenti termali (35°) nelle cui acque sono presenti (in soluzione) grandi quantità di sale di calcio. Queste acque hanno lasciato sui fianchi della collina depositi calcarei che, trasformatisi in ossido di calcio, hanno dato luogo nel tempo a rupi frastagliate e dentellate, bianche scogliere e cascate di acqua pietrificata, cristallizzata in lucenti stalattiti di travertino. Ne risulta un suggestivo scenario, caratterizzato da un susseguirsi di terrazze sovrapposte, costituite da enormi vasche tra loro comunicanti che a seconda delle diverse ore del giorno e della luce riflessa assumono differenti e spettacolari colorazioni.