Nascita del Guggenheim di Bilbao (di Antonella Giroldini)

Nascita del Guggenheim di Bilbao

Allo scopo di rivitalizzare Bilbao in seguito al collasso del suo settore industriale negli anno ’80, agli inizi del 1991 le Istituzioni Basche si rivolsero alla Fondazione Guggenheim con l’idea di creare un consorzio in grado di fondare un museo d’arte contemporanea in collaborazione con il prestigioso ente newyorkese.

La semplice presenza del Guggenheim agirà, infatti, da causa detonante della trasformazione di Bilbao e del recupero della zona ria, il braccio di mare che penetra nell’estuario del fiume. In pochi anni intorno al museo saranno costruiti molti edifici e molte strutture rappresentative.

Fin dalla sua inaugurazione nel 1997 il capolavoro di Frank O. Gehry è diventato il motore della trasformazione economica e sociale di Bilbao e un importante punto di riferimento per gli architetti, che ammirano l’accostamento apparentemente caotico di forme curve che rendono il Guggenheim Bilbao una vera e propria scultura architettonica.

image001

Il museo ha una struttura rivoluzionaria che permette di ammirare le opere d’arte seguendo un ordine libero , fluido e intuitivo. Rientra appieno nella filosofia architettonica del suo autore : fonde infatti criteri scultorei e criteri funzionali.

L’edificio ha un perimetro completamente percorribile.

La piazza Jose Maria Aguirre occupa parte di una piattaforma rettangolare che si protende come un grande terrazza dalla facciata meridionale del Guggenheim Bilbao fino al viale Mazzedo. L’area svolge due evidenti funzioni: da una parte è l’anticamera del museo, la zona di collegamento tra il museo e la città , e dall’altra parte è come un grande atrio – un ambiente di distribuzione che accompagna i vari luoghi dell’area museale.

image003Accessibile dalla piazza, l’entrata principale del museo consiste discendente: si tratta di una caratteristica che distingue il Guggenheim dai musei tradizionali , a cui di solito si accede tramite scale ascendenti che trasmettono potere e grandezza . Nel caso del Guggenheim Bilbao la sua posizione presso la ria offriva indubbi vantaggi scenografici.

image005l’architetto ha progettato una scalinata discendente dalla piazza , a forma di anfiteatro per compensare la mancanza di monumentalità.

image007In omaggio ai lavoratori portuali che hanno fatto la storia della città di Bilbao, l’architetto non ha, infatti, esitato a evocare forme navali su questo lato del museo con il lunghissimo profilo della sala.

La terrazza è una piattaforma romboidale che si estende dal perimetro esterno dell’atrio verso il lato artificiale del museo. Ideata come belvedere e come zona di riposo – permette di rilassarsi durante la visita al museo – è tuttavia parte dello spazio espositivo , dato che viene anch’essa utilizzata per esporre opere d’arte.

image009

L’architetto ha concepito un tipo di museo radicalmente innovativo, mirato a permettere ai visitatori di creare liberamente il proprio percorso senza itinerari prestabiliti. A tale scopo ha immaginato un atrio collegato direttamente a tutti gli spazi espositivi per cui i visitatori, dopo aver contemplato le opere esposte in una determinata ala, devono per forza passare dall’atrio per dirigersi verso un’altra area del museo.

Visitarlo è stato un sogno e desiderio per lungo tempo e poter visitare le sue sale e le sue opere una vera emozione!

A presto Paesi Baschi

Antonella Giroldini

Pubblicato da

anto1973giroagiroldini

e come dice una mia amica ..ti rispecchia in pieno ;) Io "DONNA" Non leggo istruzioni. Schiaccio pulsanti finchè funziona. Non ho bisogno di alcool per essere imbarazzante. Mi riesce senza! Se fossi un uccello saprei già a chi cagare addosso! Non sono bisbetica, sono emozionalmente flessibile! Le parole più belle al mondo ? " vado a fare shopping" Non ho difetti! Sono "effetti speciali"! Donne devono avere l'spetto di Donne non di ossa rivestite! Non è ciccia! E' superficie eroticamente utilizzabile. Pertdonato e dimenticato? Non sono nè Gesù nè ho l'Alzheimer! Noi donne siamo angeli e se ci rompono le ali continuiamo a volare- su scopa!Perchè siamo flessibili. Quando Dio ha creato gli uomini ha promesso che uomini ideali si sarebbero trovati ad ogni angolo e poi ha fatto la terra rotonda. Sulla mia lapide deve essere inciso: Non fare quella faccia, anch'io avrei preferito essere stesa in spiaggia! E già, Noi Donne siamo uniche

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.