Castello Orsini – Odescalchi (Antonella Giroldini)

La sua mole pentagonale a torri cilindriche è un esemplare innesto di architettura residenziale signorile su struttura militare, fu edificato dagli Orsini a partire dal 1470 e terminato nel 1485 . Nel 1696 il castello passò agli Odescalchi, che ebbero uno dei momenti di maggiore splendore con l’ascesa al soglio pontificio di Innocenzo XI. Saccheggiato durante l’occupazione francese, il castello passò ai Torlonia ma fi riscattato nel 1848 da Livio III Odescalchi.

Occupano il primo piano , tra le altre : la biblioteca, con stucchi e affreschi degli Zuccari; la sala detta di Umberto I , dal soffitto ligneo dipinto da Antoniazzo Romano e aiuti; la sala del Pisanello , con affreschi narranti, scene di caccia e di villeggiatura opera della sua scuola; la sala dei Trofei di caccia, la più grande che oltre una bella vista sul lago ed è ornata di un affresco di Antoniazzo Romano; la sala degli Orsini, con busti di Gian Lorenzo Bernini; la Camera Rossa detta anche di Isabella, con soffitto dipinto da Antoniazzo  Romano.

6 7 8 9 10 11

Al secondo piano, cui si accede per una scala a chiocciola, sono significative la sala del balcone per l’ampia visita, la sala delle fatiche di Ercole per l’armeria ottocentesca, la sala delle scienze per le figure allegoriche del fregio. Dalla camera della torre si sale a una loggia ed al camminamento di ronda.