Zanzibar ….Freddie Mercury (Antonella Giroldini)

Farok Bulsara, meglio noto con il nome di Freddie Mercury, estroso cantante e leader del gruppo glam- rock dei Queen, nacque a Stone Town il 5 settembre 1946, da un’abbiente famiglia parsi, seguace della dottrina di Zoroastro, proveniente dall’India. A 9 anni fu mandato a studiare i n India e non tornò mai più a Zanzibar. Terminati gli studi di grafica a Londra, nel 1970 fondò i Queen e si calò nel suo personaggio . Ironia della sorte , considerando che la sua famiglia fuggì da Zanzibar in seguito alla sanguinosa Rivoluzione del 1964, la celebre canzone dei Queen ” Bohemian Rhapsody”, che contiene la frase”nel nome di Dio , lo lascerai fuggire?”, fu adottata proprio dai secessionistidell’isola, che chiedevano l’indipendenza della Tanziana continentale.

Ci sono diverse case nella zona Shangani in cui si dice che Freddie abbia abitato, ma la più credibile è l’edificio che oggi ospita il Camlur’s Restaurant. Se siete proprio interessati a mettervi sulle tracce delle radici del cantante, il Mercury’s Restaurant di Minzingani Road è il posto migliore per fare domande.

Frieddie Mercury morì il 24 novembre 1991, il giorno dopo aver rivelato pubblicamente la sua battaglia contro l’AIDS.

Arezzo (di Antonella Giroldini)

052

L’armonia che impronta il tessuto urbano di Arezzo è tale che passeggiare da una all’altra delle somme opere d’arte che la città contiene, riveste un fascino pari a quello di fare visita a quegli stessi capolavori.

056

Un fascino che è la naturale conseguenza della capacità, mantenutasi nei secoli di crescere con equilibrio, vivendo senza travaglio le differenti fasi di sviluppo (ben 8 cinte murarie furono realizzate a difesa della città).

075

Straordinaria la stagione delle arti del quattrocento dovuta agli architetti fiorentini e del genio di Piero. E poi il Vasari, e il lento rinchiudersi della città in una dimensione agricola, e infine lo sviluppo manifatturiero e industriale accompagnato da una saggia espansione dell’abitato che non ha intaccato il sapore del centro storico.

077

l’itinerario prende il via da piazza S. Francesco, con l’omonima basilica che custodisce i celebri affreschi di Piero. Si prosegue quindi per corso Italia, fiancheggiata da notevoli palazzi, per raggiungere la Pieve e la straordinaria Piazza Grande. Dopo aver attraversato il passaggio del Prato e visitato la fortezza medicea, l’itinerario tocca il gotico Duomo, il Palazzo comunale e, per via Sassoverde, raggiunge S. Domenico. In via XX Settembre è la casa fi Giorgio Vasari e da lì si visitano a breve distanza S. Maria in Gradi e il Museo d’Arte medievale. Si segue poi via Garibaldi con una deviazione alla Chiesa di Badia, per raggiungere l’anfiteatro romano ed il museo archeologico. La visita alla Chiesa tardo – gotica di S. Maria delle Grazie conclude l’itinerario: si raggiunge con una breve camminata a sud, per viale Mecenate.

084

La prima domenica di ogni mese in Piazza Grande la gran folla di venditori e acquirenti è la testimonianza più appariscente di una vocazione che l’aretino è andato scoprendo e consolidando negli ultimi decenni…..

080

SUPERCAR GATTIGER ……

IMG_2006

In una calda serata di Agosto, gironzolando in macchina con un amico finisco per fare un tuffo nel passato.

Chiacchieriamo con in sottofondo le vecchie sigle dei cartoni amati. E quando arriviamo a quella sigla per me sconosciuta …lo vedo illuminarsi ; mi dice che è  “Supercar Gattiger”, non ho idea di cosa sia questo cartone animato, ma lui mi spiega con gli occhi che gli brillano che si tratta del suo cartone preferito e che da piccolo quel robot lo faceva felice!

Così mi incuriosisco e vado vedere di cosa si tratta …

Scopro che fa parte delle anime di acciaio, in 26 episodi ed è prodotto dalla Wako Productions nel 1977. E’ basato sulla storia di un manga di Hideharu Imamichi.

Giunge in Italia negli anni ’80 con la sigla cantata dai Superobot (sullo sfondo si vede solo un fotogramma e l’alternarsi dei vari riconoscimenti). Una nuova sigla, che riprende le animazioni di quella originale giapponese, fu proposta negli anni ’90 per la trasmissione su Italia 7, assieme ad un brano diverso (“Gattiger” cantato da Giampi Daldello).

Su Wikipedia scopro la trama: “Il professor Kabuki presenta al mondo la sua nuova invenzione: il Gattiger, veicolo ad energia solare che si crea con l’unione di cinque auto. Durante la conferenza, il professor Kabuki nomina il team di piloti a cui è affidata la guida del prototipo e rivela al mondo il pericolo celato dietro l’organizzazione criminale dei “Demoni Neri”. Dopo l’annuncio, il professor Kabuki viene assassinato, e con la sua scomparsa il figlio Joe scopre che la madre, che si credeva morta, è in realtà viva e per trovarla dovrà affrontare la malefica scuderia. Da qui iniziano le sfide automobilistiche del cartone, sullo stile di Falco il superbolide: gare dalle condizioni più avverse e nei posti più ostili del Pianeta. I nostri eroi gareggiano per sconfiggere i Demoni Neri ed impedire a loro di conquistare il mondo tramite il monopolio dell’energia solare”.

Avveniristiche corse automobilistiche, sullo stile di Falco il superbolide. Gare affrontate nelle condizioni più avverse, e, nei posti più ostili del pianeta. Qui, però, le cinque auto dei protagonisti, Jo Kabuki e i suoi amici, si possono unire nella potentissima Gattiger. Al solito, i nostri eroi, gareggiano per sconfiggere la malvagia scuderia Black Demon, sotto le cui spoglie si cela una tremenda organizzazione criminale.

Credits

Titolo originale: Cho supercar Gattiger (Gattiger, la potente super auto) Titolo italiano: Supercar Gattiger / Gattiger Episodi: 25 Regia: Motosuke Takahashi Sceneggiatura: Sukehiro Tomita Soggetto originale: Hitoshi Chiaki Mecha design: Mitsuki Nakamura Produzione: Wako Productions

Edizione italiana

Trasmesso in Italia su Italia 1 dal 1981 e Italia 7 dal 1998 con il titolo Gattiger Episodi trasmessi: 25 Doppiaggio: Tony Fusaro & Co. Sigle: “Supercar Gattiger” cantata dai Superobots, “Gattiger” cantata da Giampi Daldello.

Cast

Anna Marchesini: Kajumi, Queen Demon Cristina Boraschi: Sakio Fabrizio Temperini: Ken Marco Joannucci: Erik Marco Mori: Hiroki Massimo Lopez: Joe Kabuki Mauro Bosco: Black Demon, Dott. Waitazuki

 Durante la prima trasmissione dell’anime in Giappone, l’episodio 14 non è stato trasmesso e non fa parte neppure dell’edizione italiana. In italia alcuni episodi sono stati trasmessi senza rispettare l’ordine originale.

Elenco degli episodi

1. La grande corsa 1parte 2. La grande corsa 2parte 3. Gattiger è in pericolo! 4. La macchina Condor 5. piccolo uomo coraggioso 6. La valle della morte 7. La gara di mezzanotte 8. Il pilota misterioso 9. La corsa di Trans-Rocky Mountains 10. L’amico di Joe 11. L’insuperabile Joe 12. Uccidete Joe! 13. Uno spettacolo terrificante 14. Il segreto della madre 15. Viaggio perduto 16. Una dolorosa scoperta 17. Amici per la pelle 18. Aspettando l’aurora 19. La Terra è in pericolo! 20. Trappola diabolica 21. Super Gran Premio 22. Inseguendo un sogno nel cielo 23. Volate, ali d’amore! 24. Fuga dalla giungla della morte 25. Gareggiando nel sole
La sigla
Cantata da: I Superobots Autore: G. Martino, A. Centofanti

Supercar Gattiger, supercar Gattiger…

Cinque amici nella pista laggiù, sono uniti, sono forti e vedrai

Supercar Gattiger, supercar Gattiger…

Cinque bolidi in partenza son già, per te Jo grande vittoria sarà!

Supercar Gattiger, supercar Gattiger…

Corri, corri Jo, Kajumi è lì, Bakyo, Hiroki e Ken, unitevi!

Supercar Gattiger, supercar Gattiger…

Ma Jo nel cuore un segreto ha, quell’esplosione ricorderà finche vivrà, e ad ogni meta a cui giungerà forse saprà la verità

Supercar Gattiger, supercar Gattiger…

Blumon il capo il tuo avversario sarà, ad ogni curva un pericolo c’è

Supercar Gattiger, supercar Gattiger…

Della lotta Jo paura non hai, sulla pista invincibile sei

Supercar Gattiger, supercar Gattiger…

Corri corri Jo, Kajumi è lì, Bakyo, Hiroki e Ken, unitevi!

Supercar Gattiger, supercar Gattiger, supercar Gattiger, supercar Gattiger, supercar Gattiger, supercar…

 Curiosità

  • Il nome “Gattiger” (erroneamente pronunciato “gàttigher” nella vecchia sigla degli anni Ottanta) nasce dall’unione della parola giapponese gattai (unione) con la parola inglese tiger (tigre). La pronuncia corretta sarebbe pertanto “gattàigher”.
  • Gli episodi dal 19 al 22 sono un montaggio di scene prese dai precedenti episodi.
  • Il nome Gattiger era già stato usato due anni prima per il robot protagonista di Uchū enban daisensō (宇宙円盤大戦争? lett. La grande battaglia dei dischi spaziali), il mediometraggio che darà origine alla serie di UFO Robot Goldrake.

 ……..Quella curiosità che mi nasce spontanea diventa l’inizio della condivisione di una passione, l’inizio della sua meravigliosa collezione e la mia gioia nel vedere quegli occhi illuminarsi come un bimbo all’arrivo di un piccolo e grande pezzo!

Stone Town… viaggio in Africa (di Antonella Giroldini)

E’ il cuore culturale e storico dell’Africa, è il luogo in cui l’Africa incontra l’oriente. Stone Town è probabilmente la città più affascinante e ricca di atmosfera a sud del Sahara. Per molti aspetti ricorda le medine arabo e nord africano, con il loro labirinto di viuzze tortuose, bazar e mercati animati, ex palazzi e grandiose residenze arabe che impregnano la città di una sensazione magica e ultraterrena.

image001

Nonostante l’abbandono seguito all’indipendenza, la configurazione e il tessuto originale della città sono rimasti in pratica intatti e questo è questo è l’esempio più completo degli insediamenti Swahili che castellano le isole e la costa dell’Africa Orientale.
Gran parte delle città fu costruita nell’Ottocento al culmine dell’attività dei dhow. Si possono ancora vedere le misere celle sottostanti l’ultimo mercato degli schiavi così come due palazzi, ma fortezza omanita del primo settecento, stile persiano.

image003

La fusione di culture si legge nei visi dei suoi abitanti africani, indiani, arabi, europei e ogni possibile combinazione intermedia.
L’anima di Stone Town è di essere cosmopolita, la capacità di assopire e mescolare influenze esterne. Secondo la definizione dell’Unesco che l’ha inserita nel Patrimonio Mondiale dell’Umanità nel dicembre 2000, la città è un’eccezionale espressione materiale di fusione e armonizzazione culturale.
Di forma grosso modo triangolare, il centro storico è delimitato dai due lati dall’Oceano Indiano e a est da creek road. Le centinaia di stradine, la maggior parte delle quali non supera i 2-3 metri di larghezza, raramente seguono una linea retta per un tratto superiore alla larghezza di un edificio, quindi il modo migliore per andare alla scoperta della città è a piedi. Durante il giorno non ci sono problemi di sicurezza mentre è meglio prestare attenzione nelle ore notturne.
I principali monumenti sono i bagni in puro stile persiano, la cattedrale di San Giuseppe costruita a cavallo tra ottocento e novecento, la cattedrale anglicana Church of Christ, che sorge ove ebbe luogo l’ultimo mercato degli schiavi dell’Africa, di cui ancora si possono visitare le celle.

image005

Le principali aree commerciali, un’ accozzaglia di negozi e bancarelle a mò di bazar o suk arabo si trovano lungo o a ridosso di Horumzi e Gizenga Street e Change Bazaar.

image007

E’ proprio il labirinto di stradine e viottoli che costituisce la principale attrazione della città, un dedalo di dimore stinte, moschee e vicoli tortuosi , che imprevedibilomente sfociano in piazzette semirovinate, venditori ambulanti , di notte gremite di gente che si da appuntamento per gustare un caffè al bar.

image009

Stone Town è un autentica miniera d’oro per i cercatori di souvenirs, con centinaia di negozietti in cui è possibile acquistare una straordinaria quantità di oggetti di artigianato , sia arabi che indiani e prodotti locali. Tra i prodotti locali vanno ricordati gli articoli fi gioielleria, argenteria, e i pesantu bauli costellati di borchie in ottone.

image011

Alla prossima avventura Africana !!!!

Antonella Giroldini

Visita ad Aquileia ( di Antonella Giroldini)

Aquileia è in provincia di Udine. Sulla strada che porta a Grado, prima che l’ultimo lembo della pianura muoia nella laguna, si alza la mole romanica . 005I 73 metri del campanile incombono su un piccolo borgo di campagna bonificata e su una delle più interessanti zone archeologiche d’Italia. All’ombra dei cipressi, i ruderi del porto fluviale romano evocano il passaggio di esotiche mercanzie, che giungevano per mare da tutto il mediterraneo o per strada fin dalle spiagge baltiche dell’ambra.

004

Da visitare assolutamente è la Basilica , tra i più grandiosi e importanti monumenti religiosi del periodo romanico .

014

Il cimitero dei caduti, piccolo e suggestivo cimitero, dietro al campanile e all’abside della basilica, custodisce alcuni tra i primi soldati caduti nel 1915 e la tomba dei dieci militi ignoti, raccolti dai campi di battaglia della prima guerra mondiale .

022

……..bella davvero questa terra friulana

Antonella Giroldini